Home Attualità Pelasgo 968 tra concorsi e presentazioni. Dacia Maraini presidente onorario del premio

Pelasgo 968 tra concorsi e presentazioni. Dacia Maraini presidente onorario del premio

“Dal prossimo anno la presidente onorario del nostro concorso, “Città di Grottammare“, sarà Dacia Maraini, già candidata al premio Nobel. Per un’associazione nata nel 2008 è un grande passo”.

Giuseppe Gabrielli, segretario e vicepresidente dell’associazione Pelasgo 968 di Grottammare, racconta la storia dell’associazione, nata circa dodici anni fa da sei soci fondatori. Inizialmente dedicata allo sport, in particolare al karate, dopo pochi mesi dalla fondazione l’associazione virò sul discorso letterario, in particolare quello poetico.

“Nei primi concorsi che abbiamo organizzato c’erano solamente due sezioni – dice Gabrielli – quella di poesia in lingua italiana e quella di poesia dialettale. I partecipanti erano circa 300, oggi quasi triplicati. Giungono sia dall’Italia che dall’estero. Al premio sono state aggiunte sezioni di poesia edita e narrativa, con il bando aperto a romanzi gialli e storici. Il concorso prevede oggi anche premi speciali, come il miglior racconto a tema autismo, vista anche la nostra collaborazione con realtà che si occupano di questa tematica. Collaboriamo inoltre col Centro Nazionale di Studi Leopardiani del presidente Fabio Corvatta. La voce del nostro premio è giunta a Dacia Maraini tramite un nostro giurato, Filippo La Porta, amico dell’autrice, che per il prossimo anno ha accettato di essere la nostra presidente onorario. Ruolo ricoperto per molti anni dal poeta milanese Franco Loi, scomparso lo scorso gennaio, al quale nel 2019 era stata anche data la cittadinanza onoraria a Grottammare, con il felice appoggio del sindaco Enrico Piergallini, da sempre, essendo egli un poeta, sensibile alla questione letteraria. I nostri giurati – prosegue il segretario – sono, oltre a Filippo La Porta, Andrea Frediani, Massimo Lugli, Alessandro Morbidelli e Giovanni D’Alessandro, autori di prim’ordine”.

Non è tutto: oltre al concorso, l’associazione Pelasgo 968, in collaborazione con I luoghi della scrittura di San Benedetto del Tronto, si occupa di organizzare le presentazioni di autori locali e nazionali. Proprio in agosto, a Ripatransone, si tiene una rassegna di noir, con il prossimo appuntamento fissato per dopodomani (12 agosto) con il romanzo “L’ultimo guerriero” di Massimo Lugli. Anche la cinquina finalista del premio Strega è stata presentata in anteprima a San Benedetto, proprio da Pelasgo in collaborazione con I luoghi della scrittura.

“Il nome della nostra associazione, Pelasgo 968 – chiude Gabrielli – ha una duplice derivazione storica. I Pelasgi furono una popolazione greca antica che si dice abbia colonizzato, in età preellenica, il litorale piceno. Il 968 invece, secondo alcuni archivi di Fermo, sarebbe l’anno di costruzione del Castello d’ Ischia, che si dice sorgesse, a ridosso dell’anno mille, a Grottammare, proprio nella zona in cui oggi io ed altri soci dell’associazione viviamo”.

  • ,

Più recenti

Verso i 500 anni dalla nascita di Sisto V

Domenica 12 dicembre a Loro Piceno si terrà un incontro dedicato a Sisto V, esattamente alla vigilia del 500° anniversario della sua nascita. Alle ore...

Volley A2F: CBF Balducci ad Olbia per la fine del girone di andata

Ad Olbia si chiude il girone di andata della Regular Season di Serie A2 e la CBF Balducci HR Macerata è chiamata ad una...

Volley A3M: A Grottazzolina arriva Portomaggiore per il nono turno di andata

Il mese di dicembre si apre nella calda cornice del PalaGrotta per dare spazio alla nona giornata di andata. Vecchi e compagni ricevono la...

Saverio Marconi e Cinzia Pennesi insieme per uno spettacolo ricco di emozioni

Due eccellenze del nostro territorio, due artisti riconosciuti a livello internazionale insieme per uno spettacolo ricco di emozioni, tra poesia, musica e prosa. Sabato...