Home News Provincia di Macerata: Arriva un No all'inceneritore di Tolentino

Provincia di Macerata: Arriva un No all’inceneritore di Tolentino

Si è svolta nella sede della Provincia di Macerata la conferenza di servizi decisoria per l’esame di provvedimento di impatto ambientale per la costruzione, nel Comune di Tolentino dell’impianto di incenerimento dei fanghi di depurazione.

Alla riunione, oltre al Presidente Antonio Pettinari, hanno partecipato i rappresentanti del Comune di Tolentino, dell’Asur, dell’Arpam, dell’ASSM SPA di Tolentino e dei Vigili del Fuoco per esaminare nel dettaglio la richiesta di realizzazione dell’impianto di incenerimento ed effettuare la valutazione della compatibilità ambientale con il sito specifico individuato.

Tutti i soggetti presenti hanno evidenziato delle problematiche ambientali importanti, tali da comportare una valutazione ambientale negativa che renderà impossibile la costruzione dell’impianto per il trattamento dei fanghi biologici.

Al giudizio di parere negativo unanime sulla compatibilità ambientale dell’impianto ha contribuito il fatto che nel contesto del luogo individuato si trovano insediamenti di carattere commerciale e anche di natura residenziale, ricreativa e perfino scolastica.

“Esprimo piena soddisfazione – dichiara Pettinari – per il risultato raggiunto perché si è evitato di aprire un impianto che non portava vantaggio al nostro territorio. Nella nostra provincia c’è un sistema che funziona e anche per quello che riguarda il settore dei rifiuti c’è un ottimo connubio tra le istituzioni locali, il Cosmari e i cittadini che fanno la raccolta differenziata. Siamo virtuosi, abbiamo delle aree straordinarie, che dobbiamo tutelare, che non sono compatibili con insediamenti di questo genere. La decisione presa unanimemente è in perfetta coerenza con le prese di posizione assunte e più volte espresse sia in consiglio provinciale che all’ATA (Assemblea Territoriale Ambito) e su cui concordano anche tutti i sindaci; inoltre il Consiglio non ha nemmeno approvato l’individuazione di eventuali siti per la realizzazione di impianti di incenerimento”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Più recenti

Il Museo Tattile Statale Omero di Ancona riapre al pubblico il 29 maggio

A partire da venerdì 29 maggio alle ore 16, nel giorno del suo 27° compleanno, il Museo Tattile Omero riapre le porte al pubblico....

I Musei civici di Macerata riaprono sabato 30 maggio e gratis per tutti

I musei civici di Macerata, dopo il blocco per l’emergenza Covid-19, riaprono in sicurezza con ingresso gratuito fino al 30 giugno, solo nei fine settimana,...

La Galleria Nazionale delle Marche a Palazzo Ducale di Urbino riapre al pubblico il 28 maggio

La Galleria Nazionale delle Marche riapre le sue porte al pubblico dopo quasi tre mesi di chiusura forzata dovuta ai provvedimenti restrittivi adottati per...

Marche, lo stop forzato delle Pro Loco. La preoccupazione di Mario Borroni

A causa del coronavirus la maggior parte degli eventi organizzati dalle Pro Loco della Regione Marche sono annullati. Dal 24 febbraio nessun evento, delle...