Home Eventi Arte “Infinito oltre-Insieme su carta", quando la pittura incontra la poesia

“Infinito oltre-Insieme su carta”, quando la pittura incontra la poesia

“infinito oltre-Insieme su carta “ è un progetto che punta i riflettori sui libri d’artista. Le ricerche e le mostre che puntano i riflettori in questo campo sono molto poche, per questo motivo si configura come un genere considerato di nicchia, vista anche la mancanza di raccolte pubbliche e di eventi dedicati. In Italia, il collezionismo dei libri d’artista, soprattutto negli ultimi anni, sta trovando terreno fertile grazie alle iniziative dei privati o delle biblioteche, a differenza degli altri paesi del mondo, tra tutti gli Stati Uniti, dove queste particolari opere d’arte sono studiate da decenni.
Proprio sulla scia di questa “mancanza” nel mondo dell’arte, il Maestro Iacomucci, in collaborazione con l’amico e collega Mario Monachesi, si è voluto cimentare in questo inesplorato percorso artistico.
Il risultato è un interessante lavoro ricco dell’esperienza dei due artisti, dal quale nasce un libro d’arte dal titolo “Infinito oltre-Insieme su carta”, contenente le opere di entrambi, riprodotte con una notevole maestria nell’ esecuzione e finemente rilegate con sapiente cura.
“Infinito oltre” sta a significare la dimensione infinita dell’arte che non è contenuta o catalogata dentro a recinti o confini; sta a significare anche la dimensione universale e trascendente dell’arte.
“Insieme su carta”, trova la sua interpretazione nel fatto che entrambi lavorano con la carta e sulla carta, portando avanti la loro poetica fatta di colori, parole, figure e immagini a metà tra il sogno e la realtà. Incisore e pittore l’uno, poeta e artista l’altro: due personaggi che si completano e intersecano l’uno nell’altro, avendo la stessa idea comune dell’arte. Entrambi gli artisti, partendo da immagini e parole profondamente dense di significato, trasportano lo spettatore in una dimensione lirica e onirica, che trascende la realtà quotidiana e va verso l’infinito.
Mario Monachesi, utilizza le parole per rappresentare forme d’arte e contenuti profondamente attuali e dal forte impatto visivo.
Carlo Iacomucci, invece, utilizza con sapiente maestria i colori e segni su tela e su carta per rappresentare figure, gocce, tracce e oggetti immersi in vortici ventosi, che rappresentano realtà virtuali e reali al tempo stesso. Entrambi si servono della potente forza espressiva delle immagini: Pertanto i due artisti si completano a vicenda, perché il poeta Monachesi dà voce, con le sue parole, alle immagini dell’artista  Carlo Iacomucci.
E’ evidente lo stretto connubio che esiste tra poesia e pittura: si tratta di due arti che presentano molti punti di contatto e, per certi versi, coincidono: una poesia o un dipinto possono elevarsi ad opera d’arte ed entrambe queste arti spesso si compenetrano, perché da un quadro può nascere una poesia e/o viceversa. Sono, praticamente, due facce della stessa medaglia e rappresentano entrambe il bisogno ancestrale, innato e primario dell’uomo di esprimere sé stesso attraverso l’arte. Con questo libro, quasi come in un gioco, Iacomucci e Monachesi hanno voluto provare a raccontare le loro emozioni attraverso immagini e parole, con un risultato assolutamente bello e gradevole!
info t. 320.0361833 – 339.5403090

Più recenti

Homeless Fest, la finale in live streaming

Nell’anno che ha visto l’annullamento di decine di festival, concerti e di quasi tutti gli eventi culturali e sta minacciando la sopravvivenza di un...

Iniziativa AMAT a sostegno degli artisti marchigiani

Il lavoro dell’AMAT a sostegno degli artisti marchigiani prosegue a livello nazionale con la rinnovata adesione dell’ente marchigiano di promozione dello spettacolo dal vivo...

Volley A3M: Videx, l’analisi del quarto successo consecutivo. Ortenzi: “Possiamo giocarcela alla pari con tutti.”

Una trasferta insidiosa contro un avversario da temere, era questa la premessa della vigilia. Un match condito da svariati ribaltamenti di fronte e giocato...

A Biumor 2020 un Philoshow sul cialtronismo all’italiana

“Cosa fai, cretinetti, parli da solo?”. Così Elvira Almiraghi, abile e spregiudicata donna d’affari nel film di Dino Risi Il vedovo, canzona il marito, il...