Home Eventi Arte Il Sintomo della Fonte - A Cupramontana la mostra su Luigi Bartolini

Il Sintomo della Fonte – A Cupramontana la mostra su Luigi Bartolini

Inaugurata a Cupramontana la mostra “Il sintomo della fonte” di Carlo Cecchi dedicata all’artista cuprense Luigi Bartolini. Nella suggestiva Sala Raul Bartoli.

In contemporanea Bartolini è anche ricordato in Vaticano con la mostra “la Grafica del Novecento nella Collezione d’Arte Contemporanea dei Musei Vaticani”.

«Questa mostra è un regalo per Cupramontana e i cuprensi – ha affermato il sindaco Luigi Cerioni – Con le sue opere ispirate all’artista cuprense Luigi Bartolini, Carlo Cecchi ci ha reso ancora più consapevoli della grandezza di Bartolini. Tutta l’amministrazione comunale sta lavorando per avere operativa al più presto la Fondazione Luigi Bartolini, affinché la cultura e la storia che ha tracciato l’artista ci renda sempre più consapevoli della risorsa che lui ancora oggi continua ad essere per tutti i cuprensi. Il nostro futuro può essere scritto solo se siamo coscienti di chi siamo e di ciò che abbiamo e Bartolini, attraverso le sue opere e le sue poesie ha anche lasciato una testimonianza importante del ‘900 di Cupramontana».

«Sono orgoglioso di avere reso realtà questa mostra. Il mio omaggio a Luigi Bartolini e a Cupramontana era dovuto ed era un desiderio che cullavo da molto – ha sottolineato Carlo Cecchi – Ringrazio il sindaco e l’amministrazione comunale per aver abbracciato con entusiasmo il progetto de “Il sintomo della fonte”. Dal mio punto di vista Bartolini ha una “animalità” che è grintosa e dolce allo stesso tempo, lo preferisco per questo a Morandi». Il nome della mostra prende spunto dall’opera omonima di Carlo Cecchi realizzata su carta stratificata da lui stesso concepita; l’opera è la più grande, per dimensione, in esposizione.

Al fine di cogliere ancora di più il genio e l’amore di Bartolini per la sua Cupramontana, l’attrice Milena Gregori ha letto il testamento poetico di Bartolini, cioè la profonda poesia del 1953 “L’Eremo dei Frati Bianchi” di Bartolini in cui si susseguono ricordi, paesaggi, personaggi e momenti di vita che hanno legato l’artista al suo paese. La poesia è la summa dei ricordi di Bartolini dell’eremo e di Cupramontana sparsi in tanti scritti, la sua ultima opera dove ha posato il suo intelletto.

Luciana Bartolini, la figlia dell’artista, ha mandato i suoi saluti attraverso una lettera inviata al sindaco Luigi Cerioni. «Sono molto grata a Carlo Cecchi che ha sentito di condividere con mio padre, trasferendo in espressioni d’arte, le emozioni suscitate dal paesaggio marchigiano ineguagliabile nella sua rassicurante serenità e dalle lavandaie belle e operose.  Sono molto grata a Cupramontana che torna a ricordare un suo illustre concittadino. Colgo l’occasione per comunicare che al Vaticano in questi giorni si è aperta la mostra “la Grafica del Novecento nella Collezione d’Arte Contemporanea dei Musei Vaticani”. Curata da Francesca Boschetti, presenta per la prima volta una selezione di 150 grafiche scelte tra le 4000 opere della raccolta dei secoli XIX e XX. Bartolini è ben rappresentato. Incisioni di mio padre sono esposte alla GNAM a Roma, nella mostra della Collezione Vanni Scheiwiller, a cura di Giuseppe Appella. Mi spiace di non poter essere presente all’inaugurazione odierna, ma Le ho spiegato al telefono le ragioni che mi trattengono a Roma. La prego di farsi portavoce del mio ringraziamento profondo a Carlo Cecchi, artista poliedrico al quale va tutta la mia ammirazione»

Gli orari della mostra sono:

inaugurazione domenica 15 dicembre ore 17

sabato 21 e sabato 28 dicembre: ore 16 -20

mercoledì 25 e giovedì 26 dicembre: ore 10 – 13 e ore 16 – 20

domenica 22 e domenica 29 dicembre: ore 10 – 13 e ore 16 – 20

mercoledì 1 gennaio: ore 16 – 20

sabato 4 e sabato 11 gennaio: ore 16 – 20

domenica 5 e domenica 12 gennaio: ore 10 – 13 e ore 16 – 20

lunedì 6 gennaio: ore 10 – 13 e ore 16 – 20

Per info mostra: 339.8495615 – 320.8038107

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Più recenti

Teatro: Le Mine Vaganti di Ozpetek a Fermo, Macerata e Jesi

Ferzan Ozpetek firma la sua prima regia teatrale mettendo in scena l’adattamento di uno dei suoi capolavori cinematografici, Mine vaganti. Il giovane Tommaso torna nella...

Michele Placido al Politeama, presenta il Pirandello più famoso

Protagonista del quarto appuntamento con Racconti d’Attore sarà Michele Placido, grande volto del panorama cinematografico e teatrale. Domenica 26 gennaio alle ore 18,00 interpreterà...

“Ancora un punto da chiarire”, il nuovo libro di Francesco Ciccarelli presentato al teatro Flavio di Roma

Il teatro Flavio di Roma ha ospitato il 18 gennaio 2020 la prima presentazione del settimo libro “Ancora un punto da chiarire” di Francesco...

Volley A2/F: la Roana CBF ritrova punti e sorriso

La concatenazione di risultati che sarebbe servita alla Roana CBF per centrare un clamoroso quinto posto non c'è stata, ma quel che più importa...